C’è un’atmosfera diversa a Coburgo, un po’ più austera. Forse perché questa bellissima città è entrata a far parte della Baviera solo nel 1920 a seguito di un voto popolare.

La città fu un importante fulcro per le vie del commercio sotto i granduchi di Sassonia-Coburgo-Gotha imparentati con tutte le famiglie nobili più importanti d’Europa, fini diplomatici, amanti dell’arte e fedeli alla chiesa protestante. Non a caso Martin Lutero, bandito dalle zone cattoliche del paese, trovò qui, nella Veste, rifugio ed ospitalità.

Il cittadino più famoso di Coburgo è senza dubbio il duca Albert Saxsen-Coburg-Gotha che sposò la Regina Vittoria e la cui statua troneggia al centro della bella Marktplatz circondata da edifici eleganti come la Stadthaus con la facciata rinascimentale colorata a stucco ed arricchita da un bel bovindo, il Rathaus con molti stemmi policromi e statue e la Hofapoteke, antica farmacia in un palazzetto gotico.

Cosa vedere a Coburgo

Intorno al Markt, nel reticolo di vicoli e stradine tipiche si trova la Chiesa gotica di St. Moritz che ha la particolarità di avere una sola torre (l’altra non fu mai finita) e che ospita la tomba del duca Johan Casimir molto amato dai suoi concittadini. La tomba è un altare di alabastro altro 12 mt e ricchissimo di decorazioni, statue e bassorilievi.

Di fronte alla chiesa il grande rinascimentale Gymnasium Casimirianum.

In contrasto con il centro storico, l’ampia piazza del Castello Ehrenburg, sorto nel 1500 a Coburgo sul luogo di un convento francescano. Ricco l’interno del castello di cui si visitano i saloni decorati di rappresentanza e quelli con i ritratti della dinastia, la Hofkirche, cappella di corte e gli appartamenti reali, dove, nel bagno della reginavenne installata la prima toilette con flusso d’acqua della Germania.

coburgo baviera germania

Dalla Schlossplatz, una doppia scalinata attraversa l’Hofgarten e porta a quella che viene chiamata la “Corona di Franconia” una delle più grandi fortezze della Germania, simbolo della città, la Veste Coburgo. Di forma ovale, con doppia fila di mura e numerose torri e torrette, rappresenta nell’iconografia classica, il meglioche i castelli bavaresi possano offrire.

Tra i principali edifici che si visitano all’interno, il più importante è la Kemenate del Fürstenbau che ospita una ricchissima collezione d’arte con dipinti, tra gli altri, di Rembrandt, Dürer ed i due Cranach, ed il famosissimo Ritratto di Lutero. Nella Banketsaal, inoltre, si trova la prima stufa di ghisa costruita in Germania nel ‘500.

Per concludere la visita di Coburgo, ricordiamo che gli orsacchiotti di peluche, i famosi Teddy-Bear, prendono il nome dai tremila fabbricati a Coburgo per ornare il tavolo nuziale della figlia di Theodore Roosevelt alla Casa Bianca.

E, visitando il Coburge Puppenmuseum si potrà notare anche l’incredibile somiglianza della bambola Lili con la Barbie. Il suo brevetto fu infatti acquistato dalla Mattel negli anni 60.

Chiudi il menu