Deutschen Jagd- und Fischereimuseum a Monaco di Baviera è un piccolo ma interessante museo della caccia e della pesca che si trova in Neuhauser Strasse 2, la via pedonale che conduce alla ben più famosa Marienplatz.

Il museo lo si riconosce subito per via della statua del cinghiale esposta all’esterno (c’è anche quella di un pesce gatto ma è in posizione più defilata), statua con la quale tantissimi turisti sono soliti farsi delle foto ricordo senza effettivamente capirne il motivo.

Cosa vedere al museo della caccia e pesca di Monaco

Il Deutschen Jagd- und Fischereimuseum si estende su una superficie di 3000 m² all’interno della ex Augustinerkirche (la chiesa agostiniana profanata), ed espone eccezionali testimonianze sulla cultura della caccia e della pesca dall’età della pietra ai giorni nostri.

La collezione al suo interno è composta da circa 1.000 animali imbalsamati tra uccelli, pesci e selvaggina di terra. Oltre a questo il museo offre stampe, dipinti, disegni, collezioni di armi da caccia di diverse epoche storiche, vasellame a tema ed ornamenti che rendono ancora più interessante la visita al suo interno.

Ci sentiamo di consigliare il museo della caccia e della pesca di Monaco soprattutto a chi passa le vacanze a Monaco di Baviera con i bambini.

Foto: https://munich.foravisit.com/

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI

bmw welt monaco di baviera

Museo BMW

Il Museo BMW è una delle principali attrazioni turistiche della capitale bavarese. Anche il BMW Welt adiacente, lo store dove sono esposte le ultime BMW, è molto apprezzato dai visitatori di tutte le età. L'intera area, che comprende anche l'Olympiapark, è molto adatta alle famiglie e facilmente raggiungibile con l'efficiente metropolitana cittadina.

alte pinakothek monaco

Vecchia Pinacoteca

La Alte Pinakothek di Monaco di Baviera - la vecchia pinacoteca - è tra i musei della città quello di maggior prestigio e fama internazionale. Il suo grande patrimonio artistico è dovuto totalmente alla passione per l’arte dei vari membri della nobile famiglia dei Wittelsbach, i quali nel corso dei secoli riunirono le loro collezioni d’arte individuali.

Chiudi il menu