Abbazia di Ettal

abbazia di ettal

La bellissima abbazia di Ettal è un monastero benedettino ubicato nel piccolo paese di Ettal, nell’alta Baviera, a pochi chilometri dal castello di Linderhof e da Oberammergau.

Il monastero si trova in una tranquilla valle ai piedi delle Alpi, lí dove un tempo correva una rilevante via di comunicazione tra Baviera ed Italia.

Oggi in questo luogo gestito ancora da monaci benedettini, potrete trovare diverse attività produttive che di certo vi sorprenderanno: oltre ad essere la sede di un liceo (che ospita 450 alunni) e di una casa editrice, nell’abbazia di Ettal troverete anche ristoranti, una fabbrica di birra e una distilleria.

Storia dell’Abbazia di Ettal

Questo monastero fu fondato nel 1330 da Ludwig IV il Bavaro, imperatore del Sacro Romano Impero. La leggenda narra che l’imperatore, di ritorno da Roma, decise di far costruire proprio in questo luogo l’abbazia dopo aver incontrato sul suo cammino un monaco che gli fece dono di una effigie in marmo bianco della Vergine Maria.

Originariamente l’abbazia di Ettal aveva una pianta centrale di forma circolare, un elemento architettonico abbastanza insolito per lo stile gotico del ‘300. Successivamente l’abbazia di Ettal assunse quell’aspetto Barocco che tutti oggi conosciamo.

Nel 1742, dopo essere stata quasi distrutta da un incendio, il monastero “risorse dalle sue ceneri” più splendente che mai: esso fu ristrutturato seguendo i dettami dello stile Barocco bavarese prima da Enrico Zuccalli, lo stesso architetto del castello di Nymphenburg e della Theatinerkirche, e poi da Josef Schmuzer.

Sicuramente degna di nota, è la grande cupola al centro del complesso dell’abbazia di Ettal, ornata dai meravigliosi affreschi di Johann Jakob Zeiller (1746). Molto belli sono anche l’organo dell’abbazia e soprattutto la statuetta della Madonna di Ettal, un dono fatto a Ludovico il Bavaro dal Vescovo di Pisa in persona.

La statua è conservata dal tabernacolo dell’altare maggiore.

Durante i tristi anni del Nazismo, il Beato Rupert Mayer, il primo uomo di chiesa che si oppose platealmente al regime, visse qui in modo coatto alcuni anni della sua vita. Un busto in bronzo all’interno della chiesa ricorda ancora questo illustre ospite ed il suo sacrificio.

Spostandoci un attimo su qualcosa di più frivolo, sappiate che nel negozio dell’abbazia di Ettal potrete acquistare la famosa Ettaler Klosterbiere, la birra del monastero, oltre a diversi liquori sempre prodotti dai benedettini.

Booking.com

Previous Post
Next Post