Cosa vedere a Augusta, la terza città della Baviera

augusta germania

La città di Augusta in Germania – Augsburg in tedesco – è la terza città della Baviera dopo Monaco e Nürnberg, capoluogo amministrativo della Svevia, polo industriale di primaria importanza in tutta la nazione soprattutto nel campo dell’elettronica ed informatica.

Proprio per la sua propensione alla tecnologia, Augusta subì molti bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale, perché qui si costruivano gli aerei da combattimento Messerschmidt.

Storia di Augusta

Di origine romana, fu fondata da Tiberio, figlio di Augusto col nome di Augusta Vindelicorum in una posizione strategica sulla via Claudia che la collegava con Venezia e Roma. Già allora la città contava 15.000 abitanti e, dopo la caduta dell’impero romano, fu innalzata al rango di Libera Città Imperiale fino all’inizio del 1800 quando fu annessa alla Baviera.

La sua posizione strategica per le vie del commercio fece la sua fortuna. All’inizio del 1400 due famiglie di commercianti, i Welser ed i Fugger, si arricchirono e con essi la città di Augusta. Soprattutto i Fugger, con i commerci seguiti alla scoperta delle Americhe ed i numerosi prestiti fatti alle famiglie nobili dell’epoca, compreso l’imperatore, divennero la famiglia di banchieri più importante d’Europa.

Una delle particolarità di Augusta, infatti, è proprio la Fuggerei, un villaggio al centro della città, voluto da Jakob il Ricco Fugger, fervente cattolico, per dare un’abitazione decorosa ai più indigenti con un affitto simbolico in cambio di preghiere per la sua anima. Ancora oggi le casette sono abitate e permane, come allora, l’abitudine di chiudere le porte di cinta alle 22. Interessante da visitare nel villaggio la chiesetta di St.Markus ed il Museo della Fuggerei.

augsburg germania

Cosa vedere ad Augusta

Augusta, una tappa obbligata per l’itinerario della strada romantica in Germania, è attraversata da due fiumi, il Lech ed il Wertach ed alcuni resti delle fortificazioni medievali ne delimitano il centro storico che si sviluppa all’enorme Piazza del Municipio dove troneggia l’imponente Rathaus del 1600 con le due torrette laterali sovrastate dalla cupole di rame verde.

Nell’atrio del Municipio un plastico in legno della città ed un’esposizione permanente di oggetti d’ambra. Si visita la Goldener Saal con le splendide decorazioni di legno ed il magnifico soffitto, completamente dorati.

Accanto al Municipio di Augusta la Perlachturm con la cupola a cipolla, parte integrante della chiesetta di St.Peter dove è installato un carillon che suona musiche di Mozart quattro volte al giorno.

Booking.com

Nella piazza, vero cuore della città, si trova la Fontana di Augusto con quattro figure allegoriche, eretta in occasione dei 1600 anni dalla fondazione della città.

Nei pressi della piazza la St. Anna Kirche fu la chiesa in cui si celebrò la prima messa secondo i canoni luterani. La chiesa fa parte di un complesso conventuale in cui soggiornò anche Lutero quando proprio ad Augusta discusse con l’inviato del papa. Nella chiesa si possono ammirare tre splendide opere di Cranach il Vecchio, la ricca Fuggerkapelle e la Goldschmiedekapelle ricoperta di affreschi, realizzata con il denaro fornito dalla corporazione degli orafi.

Altrettanto importante è la St.Ulrich und Afra Kirche, la Cattedrale di Ausburg, il cui campanile sovrastato da un’enorme cupola a cipolla è visibile da tutta la città. La cattedrale, appartenente ad un convento benedettino che sorgeva sul posto, è dedicata ai patroni, Ulrich vescovo di Augusta che contribuì ad arrestare l’avanzata dei barbari svevi ed Afra martire romano. All’interno pregevoli organi e ricche cappelle dove si trovano le tombe di molti Fugger e, nella cripta le spoglie di Ulrich in una ricca e fastosissima tomba rococò e quelle di Afra in un semplice sarcofago.

augusta augsburg

La cattedrale delimita l’arteria principale della città, la Maximilian Straße, la grande, ampia e luminosa, dove sono stati ricostruiti tutti i ricchi palazzi distrutti durante la guerra. Percorrendola, si incontrano numerosi luoghi di interesse.

La Moritzkirche barocca con l’antistante Merkurbrunnen, la Zeughaus che fa parte di un gruppo di aristocratiche case comunicanti tra loro, tra cui il Fugger Stadtpalast, una banca, un bel cortile decorato ed una Keller.

Continuando sulla Maximilian Straße si incontrano la Herkulesbrunnen e poi, al N. 46, lo Schaetzer Palast, bel palazzo barocco edificato da un allievo di de Cuvilliès e che adesso è di proprietà della città ed ospita due musei: la Deutsche Barockgalerie e, nella collegata chiesa di S.Caterina la Staatsgalerie dove sono esposte opere di Dürer, Tiepolo, Veronese, Rembrandt ed altri grandi maestri.

Con una piccola deviazione dallo Schaetzer Palast si trova il Römischer Museum che ha sede nella sconsacrata chiesa di St. Magdalena ed espone numerosi reperti dell’epoca romana.

augusta baviera

Augusta non ha conservato molto delle antiche mura, ma lungo il loro percorso si trovano delle cose interessanti. La Rotes Tor è l’unica porta rimasta di fronte alla quale, in mezzo al verde, si trova L’Heilige Gaistspitaldel 1600. L’edificio ospita oggi lo Schwäbische Handwerkmuseum (Museo dell’artigianato svevo) con 42 botteghe di antichi mestieri perfettamente ricostruite. Accanto i portici del Wollmarkt (Il mercato della lana).

Ancora due torri la Jacoberwall affacciata sul canale e la Jacobertor con una torre ad otto lati e la statua dell’imperatore Sigismondo, la Funfgratturm antica torre di guardia e la Wasserturm riserva d’acqua della città durante gli assedi.

Ancora da segnalare, nei pressi della Fuggerei citata in apertura, la casa natale di Berthold Brecht.

Foto: Barnyz – Allie_Caulfield/Flickr

Previous Post
Next Post