Englischer Garten, il giardino inglese di Monaco di Baviera

englischer garten monaco di baviera

L’Englischer Garten di Monaco, il giardino inglese della città, è il più grande parco d’Europa che si estende per 3,7 Km², più grande di Hyde Park a Londra e di Central Park a New York.

Esso fu commissionato dal principe elettore Karl Theodor nel 1789 con l’intenzione di dare alla città un polmone verde nel quale i suoi abitanti potessero rilassarsi ed estasiarsi della sua bellezza.

Storia dell’Englischer Garten

Nei suoi primi anni di vita, il parco era adibito ad uso esclusivo dei militari per le loro esercitazioni; successivamente, nel 1792, fu consegnato ai cittadini diventando così il primo parco pubblico non solo del capoluogo bavarese ma della Germania.

Tra sorprendenti scorci panoramici, l‘alternarsi di ruscelli e laghetti intervallati da ampi e curati spazi verdi, questo parco conserva tutte le caratteristiche di un tipico parco all’inglese.

Ogni anno, 3,5 milioni di persone, visitano il parco cittadino arrivandoci attraverso il giardino reale di Monaco o dalle numerose entrate del quartiere di Schwabing.

L‘Englischer Garten offre 78 Km di sentieri e oltre 100 tra ponti e ponticelli.

Nei primi anni del ‘900, data la sua vicinanza al quartiere degli artisti, questo luogo è stato frequentato da molti scrittori, artisti e personaggi dello spettacolo.

La tranquillità del parco costituiva lo scenario ideale per l’ispirazione di artisti come Paul Klee, Thomas Mann o Rainer Maria Rilke.

Paul Klee aveva il suo studio proprio a Schwabing, nei pressi del giardino, a nemmeno 300 metri da una delle sue entrate.

giardino inglese monaco di baviera
Giardino Inglese – Foto: Márcio Cabral de Moura/Flickr

D’estate il giardino inglese è la meta ideale per fare passeggiate al fresco della natura, non che a Monaco di Baviera faccia poi così caldo; ci si può stendere sul prato a prendere il sole sia in costume sia nudi.

Qui, in una zona tra il Monopteros e la Casa del Tè giapponese chiamata Schönefeldwiese, è possibile praticare il naturalismo senza alcun problema.

Nelle giornate particolarmente afose, i più temerari possono fare anche il bagno nel fiume: l’acqua è abbastanza pulita ma anche un po’ freddina… in fin dei conti siamo in Baviera e non a Ibiza!

Se poi avete voglia di vedere qualcosa di davvero insolito, sappiate che nell’Englischer Garten si può praticare anche il surf: dalla piccola cascata che da sulla Prinzregentenstrasse, un’onda artificiale trasforma ogni giorno dei tranquilli bavaresi in moderni beach boys californiani i quali mandano in delirio una sempre crescente folla di curiosi.

Durante la vostra passeggiata nel parco, non perdetevi le seguenti attrazioni:

Chinesischer Turm, la torre cinese

giardino inglese monaco di baviera
Torre Cinese – Foto: Hajer Ben Charrada/Flickr

Molto amata dai monacensi, la torre cinese è una costruzione in legno che si ispira al concetto di pagoda cinese. Costruita a fine ‘700 da Johann Baptist Lechner, la torre è alta 25 metri ed è composta da 5 piani collegati tra loro da una scala a chiocciola.

Dalla torre ogni giorno una orchestrina suona musica bavarese per i clienti del vicino giardino della birra da 7000 posti, il secondo in ordine di grandezza a Monaco.

Monopteros, il piccolo tempio greco

Il Monopteros è un tempietto neoclassico in stile greco realizzato nel 1831 da Leo von Klenze su commissione di Ludwig I; il tempietto poggia su una collina artificiale di 15 metri che fu realizzata con i materiali di scarto della Residenz. Se siete alla ricerca di panorami suggestivi, sappiate che da qui si gode di una superba vista di Monaco di Baviera.

Se vi rimane ancora tempo, potete visitare anche la Japanische Teehaus – la Casa del Tè – un dono del governo giapponese in occasione delle Olimpiadi di Monaco 1972.

L’Englischer Garten è suggestivo anche di inverno, tra enormi distese di neve e con l’aria che profuma di Natale; non perdete l’occasione di pattinare sui laghetti ghiacciati.

Come arrivare al giardino inglese di Monaco

Per arrivare al giardino inglese, basta prendere la linea U6 dell’U-bahn con fermata Giselastrasse oppure il bus N°54, fermata Lorettoplatz.

Previous Post
Next Post