A Monaco di Baviera, specialmente a Marienplatz e dintorni, non è Natale senza le bancarelle, l’albero illuminato e soprattutto senza il Glühwein.

Proprio così, il Glühwein, il vino caldo tedesco.

Questa tipica bevanda calda dall’irresistibile profumo, ogni anno accompagna la contagiosa allegria di bavaresi e turisti tra i vari mercatini di Natale della città.

Particolari sono le origini di questo vin brulé: tutti si aspetterebbero di leggere che sia “nato” in qualche villaggio medioevale o rinascimentale tedesco… invece è italianissimo!!!

Pensate un po’ che la bevanda fu elaborata dagli antichi romani e che Marco Gavio Apicio, noto gastronomo dell’Antica Roma, pubblicò la ricetta nel suo libro “De re coquinaria“, ossia il “Sulla cucina”.

Ma, in fine, da cos’è composto il Glühwein? Esso è un vino tedesco servito molto caldo, riscaldato quasi fino al punto di ebollizione con l’aggiunta di spezie che gli conferiscono il suo tipico sapore.

Ingredienti del Glühwein

Se volete cimentarvi nella sua preparazione, la ricetta è abbastanza semplice:

  • 750 ml Vino Rosso (non troppo secco)
  • Succo e scorza di un limone non troppo grande
  • 4/5 chiodi di garofano
  • 2/3 cucchiai di cardamono
  • 2 stecche di cannella
  • 2/3 foglie di alloro

Preparazione del Vin Brulé

  1. Versate gli ingredienti in una bella pentola capiente e poi incominciate a girare il composto del vin brulé a fiamma media.
  2. Una volta sciolti gli zuccheri, portate la fiamma al minimo e lasciate riscaldare il vino per un’oretta.
  3. Non dimenticatevi che il Glühwein non deve mai bollire.

“La morte sua” sarebbe anche il servirlo con il panforte di Norimberga, dei biscottini tipici delle festività natalizie bavaresi.

Prost… o come direbbero dalle mie parti bavaresi “Zum Wohl”.

Chiudi il menu