Lo Stadtmuseum di Monaco di Baviera – il museo civico della città – è uno dei luoghi che rappresenta al meglio la storia del capoluogo bavarese.

Al suo interno, tra esposizioni permanenti e mostre temporanee, attraverso tutta una serie di oggetti che vanno dalla fotografia, dai documenti antichi fino ai modellini di legno, possiamo percorrere la storia della città dai suoi albori fino ai giorni nostri.

La fondazione di Monaco di Baviera risale al 1158 e la si deve a Enrico il Leone, il quale fece edificare la città su un insediamento preesistente di monaci benedettini (da qui il nome “Monaco”).

Nel 1806 Monaco divenne capitale del Regno di Baviera sotto l’egida dei Wittelsbach e questo fino al 1918, anno della caduta della monarchia.

Dopo il periodo buio del Nazismo, Monaco di Baviera rifiorisce grazie al boom economico degli anni ’50 e ’60.

Oggi il capoluogo bavarese è diventato un centro cosmopolita, industriale, turistico e culturale a livello europeo.

Cosa vedere allo Stadtmuseum di Monaco di Baviera

Tornando allo Stadtmuseum di Monaco di Baviera, tra le tante opere, non perdetevi i famosi Moriskentänzer, 10 statue di danzatori mori create dal famoso Erasmus Grasser nel 1480.

Il museo inoltre possiede la più grande raccolta di opera del cinema muto tedesco in tutta la Germania mentre gli “appassionati” del periodo del Nazismo potranno visitare la sezione dedicata al nazionalsocialismo e al ruolo che Monaco di Baviera ebbe come “capitale del movimento”, un titolo che le fu conferito da Adolf Hitler negli anni della sua ascesa al potere.

Tra i tantissimi musei di Monaco di Baviera, lo Stadtmuseum di sicuro non è quello più grande, tuttavia, per tutti quelli che vogliono conoscere l’anima più profonda della città, questa esposizione permanente è la più indicata per soddisfare tutte le vostre curiosità.

Chiudi il menu