La Theatinerkirche è una bella chiesa barocca color senape che si trova nel centro storico di Monaco di Baviera, sul lato sinistro di Odeonsplatz dando le spalle al Feldherrnhalle, il luogo dove terminò nel sangue il famoso Putsch di Monaco del 1923.

Visitando le tante chiese cittadine ispirate all’arte del nostro bel paese, si può capire come mai il capoluogo bavarese sempre più spesso è definito come “la città più settentrionale d’Italia”.

Conosciuta in Baviera anche con il nome di Sankt Kajetan, la chiesa fu realizzata nel 1663 per volere del Principe Elettore Ferdinando Maria e della sua consorte Enrichetta Adelaide di Savoia al fine di esaudire un voto per la nascita del primogenito ed erede al trono Maximilian Emanuel.

Inizialmente i lavori vennero eseguiti su progetto di Agostino Barelli, un architetto bolognese che introdusse in Baviera lo stile del Barocco italiano. Esso progettò la Theatinerkirche prendendo come modello la chiesa di Sant’Andrea della Valle in Roma proprio su suggerimento di Adelaide di Savoia.

Dal 1675, a causa dei numerosi contrasti tra Barelli ed il padre teatino Antonio Spinelli, i lavori della Theatinerkirche vennero affidati a Enrico Zuccalli, il quale ebbe più libertà nella progettazione della facciata della chiesa e della sua imponente cupola.

Dal 1685 prese parte ai lavori anche Niccolò Perti e, alla sua morte, sopraggiunge Giovanni Antonio Viscardi, l’acerrimo rivale del Zuccalli.

La facciata esterna della Theatinerkirche è in stile tardo rococò e fu realizzata solo un secolo più tardi da Francois Cuvilliés.

Le quattro statue collocate nelle nicchie della facciata – San Massimiliano, San Kajetan, San Ferdinando e Santa Adelaide – furono scolpite da Roman Boos nel 1768.

theatinerkirche monaco
Theatinerkirche – Foto: Polybert49/Flickr

Nonostante litigi, divergenze e accesi contrasti tra più architetti, il risultato estetico della Theatinerkirche fu di una bellezza emozionante, inaugurando così una nuova era nella edilizia sacra della città di Monaco.

La chiesa ha una pianta a croce con le volte a botte, una cupola centrale sul quadrato e le arcate laterali conducono alle diverse cappelle.

Al suo interno il Viscardi si è decisamente sfiziato inserendo putti, figure allegoriche ed elementi naturali.

Tra queste grandi arcate e i preziosi stucchi, il bianco delle pareti rende ancora più luminoso l’ambiente.

Il poderoso altare a colonne è sovrastato da un pregiato dipinto di Caspar de Crayer (1646) mentre l’elegante pulpito nero fu eseguito da Andreas Faistenberger.

Nella Theatinerkirche riposano le spoglie di diversi membri della nobile famiglia dei Wittelsbach iniziano proprio dai suoi committenti Ferdinando Maria e Adelaide.

Purtroppo i Teatini furono cacciati da Monaco nel 1801 a causa della soppressione di tutti gli ordini religiosi.

La Theatinerkirche oggi è amministrata dai frati Domenicani.

Come arrivare alla Theatinerkirche

Per arrivare alla Theatinerkirche, basta prendere la metro U3 – U6, oppure il Bus 100 con fermata Odeonsplatz.

Chiudi il menu